I sindacati europei chiedono garanzie sui Pepp

I sindacati europei chiedono garanzie sui Pepp

Bruxelles, 5 settembre 2018. In merito alla proposta di pensione personale paneuropea, che ora andrà in discussione tra le istituzioni dell’UE, dopo la votazione nella commissione per gli affari economici del Parlamento Europeo all’inizio di questa settimana, i sindacati europei chiedono che il risparmio previdenziale sia pienamente protetto.
Il Comitato non è riuscito a ottenere che i fornitori dei PEPP sarebbero tenuti a garantire i risparmi pensionistici dei lavoratori quando li investono sul mercato finanziario.
Il Comitato ha ottenuto alcuni miglioramenti nel ruolo delle autorità di vigilanza  europee e nazionali, il riferimento all’investimento preferenziale di fondi con una  buona governance e impatti ambientali e sociali positivi. Inoltre, una “opzione di base” sarebbe disponibile per tutti i risparmiatori con informazioni esplicative obbligatorie.
La CES fa appello ai negoziati per garantire maggiori garanzie ai risparmiatori. Richiede anche un sistema normativo che non sia in concorrenza con i regimi pensionistici pubblici.
“Il PEPP e altri regimi privati non sono la soluzione per un’Europa che invecchia lentamente riprendendosi da una crisi economica”, ha detto Liina Carr, segretario confederale della CES. “Invece l’UE dovrebbe concentrarsi sul rendere i regimi pensionistici pubblici e occupazionali più inclusivi, adeguati ed efficaci”.
“I sistemi pubblici e collettivi sono più efficaci e sostenibili e devono essere risolti molto più urgentemente dei prodotti finanziari privati con poche garanzie sui rendimenti futuri. Il pilastro europeo dei diritti sociali dà diritto a pensioni adeguate per tutti. Questo è ciò che l’UE ora ha bisogno di conseguire anche attraverso l’adozione e l’attuazione della raccomandazione del Consiglio europeo sull’accesso alla protezione sociale. “

You must be logged in to post a comment Login