Illegittima la tassazione diversa sul riscatto degli statali

Illegittima la tassazione diversa sul riscatto degli statali

Consulta: “Estese agevolazioni a dipendenti pubblici” “Si tratta – come ha sancito la Corte costituzionale – di una discriminazione che viola il principio dell’eguaglianza tributaria”
. E’ illegittimo il diverso trattamento tributario – tra dipendenti pubblici e privati – previsto per il riscatto di una posizione individuale maturata tra il 2007 e il 2017 nei fondi pensione negoziali. Lo ha sancito la Corte costituzionale, secondo la quale tale previsione penalizza i dipendenti pubblici rispetto a quelli privati sebbene le due fattispecie siano sostanzialmente omogenee. Si tratta quindi, sottolineano i giudici, di una “discriminazione che viola il principio dell’eguaglianza tributaria”. La decisione è stata presa dalla Consulta con una sentenza depositata oggi – di cui è relatore il giudice Luca Antonini – nella quale si afferma che anche ai dipendenti pubblici deve essere riconosciuto il regime agevolato entrato in vigore nel 2007 per i soli dipendenti privati. La questione di legittimità era stata sollevata dalla Commissione tributaria provinciale di Vicenza, alla quale si era rivolta un’insegnante per ottenere il rimborso – che le era stato negato dall’Agenzia delle entrate sulla base della disposizione censurata – delle maggiori imposte pagate sull’importo riscattato dal Fondo pensione Espero. Su questo reddito ora, spiega Palazzo della Consulta, si dovrà applicare la più favorevole imposta sostitutiva introdotta dal 2007 anziché l’aliquota determinata sommando l’importo stesso al reddito complessivo dell’anno. La Corte, per la sua decisione, ha fatto leva sull’omogeneità del meccanismo di finanziamento della previdenza complementare sia nei fondi pensione negoziali dei dipendenti privati sia in quelli dei dipendenti pubblici, per concludere quindi che la “duplicità del trattamento tributario del riscatto della posizione maturata non può essere giustificata né dalla diversa natura del rapporto di lavoro né dal fatto che l’accantonamento del Tfr dei dipendenti pubblici è virtuale, in costanza di rapporto di lavoro”. I giudici costituzionali hanno quindi esteso anche ai dipendenti pubblici l’agevolazione già prevista per quelli privati con lo scopo di favorire lo sviluppo della previdenza complementare.
03 ottobre 2019

You must be logged in to post a comment Login