Riforma pensioni: incontro governo-sindacati

Riforma pensioni: incontro governo-sindacati

Si è svolto il 16 settembre 2020 l’incontro tra il Governo e CGIL CISL e UIL sulle questioni previdenziali. L’incontro, che era stato calendarizzato nella precedente riunione del 28 luglio, doveva affrontare le questioni previdenziali più urgenti che dovranno rientrare nella prossima legge di bilancio, mentre nel prossimo incontro, previsto per il 25 settembre, proseguirà il confronto sulla riforma complessiva del sistema pensionistico, che si dovrebbe realizzare attraverso un apposito provvedimento legislativo.La ministra Catalfo ha comunicato la disponibilità del Governo a prorogare opzione donna e Ape sociale, con un ampliamento della casistica dei disoccupati, che ad oggi esclude ancora molti lavoratori (come ad esempio i lavoratori che non sono percettori di Naspi), la possibilità di accedere all’Ape sociale e precoci anche per quei lavoratori“fragili” maggiormente esposti all’emergenza saniataria, la soluzione definitiva al problema dei part time verticale, con il riconoscimento della contribuzione piena e unintervento risolutivo riguardo il  fondo esattoriali. Anche   per   quanto   riguarda   gli   strumenti   di   flessibilità   da   introdurre   perl’accompagnamento delle persone dal lavoro alla pensione, in particolare per favorire il turn over generazionale, la ministra ha dato disponibilità ad estendere l’utilizzare il contratto   di espansione, abbassando l’attuale soglia dimensionale che ne consente l’accesso alle sole aziende con più di mille dipendenti.La ministra ha inoltre preso un impegno a confrontarsi con il Mef per quanto concernele   pensioni   in   essere,   viste   le     richieste sindacali   in   merito   alla   rivalutazione   e all’ampliamento della quattordicesima, mentre, sul tema della non autosufficienza ha confermato la convocazione   per il prossimo 28 settembre dell’apposito tavolo, di concerto con il ministero della salute. Anche sul tema della previdenza complementare il Ministero del lavoro si è impegnato a fare un approfondimento con il Mef in particolare per valutare l’ipotesi di riaprire un semestre di silenzio-assenso.
Sempre rispondendo ad una richiesta del sindacato, il Governo sta esaminando in sede tecnica il problema della rivalutazione del montante contributivo in un contesto di Pil negativo, per non compromettere i rendimenti futuri delle pensioni.La Ministra ha inoltre annunciato l’immediata costituzione delle due Commissioni, sui lavori   gravosi   e   sulla   separazione   tra   assistenza   e   previdenza,   e   l’intenzione   di prorogarne i temini per la conclusione dei lavori, ormai troppo ristretti perchè previsti al31.12.2020.
La Cgil ha sottolineato la necessità di avere su ogni argomento, anche su quelli rispetto ai quali vi sono state delle aperture positive, la definizione  più precisa dell’intervento, e ha riproposto altri temi, non richiamati dal Ministro, che sono fondamentali in questa fase, come l’estensione delle mansioni considerate gravoseed una modifica delle attuali condizioni di accesso all’Ape sociale/precoci, e la modifica dell’isopensione   per   renderla   accessibile   ai   lavoratori   di   tutte   le   imprese,   anche attraverso

l’utilizzo  della Naspi, a fronte di situazioni di crisi, ristrutturazioni  o riorganizzazioni aziendali. Al termine dell’incontro sono stati quindi programmati, in data da definirsi, quattro incontri tematici di approfondimento tecnico: il primo su Ape sociale, precoci, esodati e opzione donna, il secondo su contratti di espansione e isopensione, il terzo sulla previdenza complementare e il quarto sulla rivalutazione delle pensioni in essere.

You must be logged in to post a comment Login