L’impatto del cambiamento demografico in Europa

L’impatto del cambiamento demografico in Europa

Lo scorso 27 gennaio la Commissione Ue ha pubblicato il Libro Verde sull’invecchiamento demografico. Promuovere la solidarietà e la responsabilità fra le generazioni.
In preparazione del Libro Verde, è stato pubblicato a giugno 2020 il rapporto The Impact of Demographic Change che offre un aggiornamento puntuale delle dinamiche demografiche. Da esso si rileva come entro il 2070 l’età media della popolazione sarà di 49 anni, cinque in più rispetto ai livelli attuali. Nello stesso periodo la popolazione anziana (65 anni e più) rappresenterà il 30% del totale e quella in età da lavoro (20-64 anni) dovrebbe scendere dall’attuale 59% al 51% della popolazione complessiva.
Lo scoppio della pandemia COVID-19 ha cambiato l’Europa e il mondo in un batter d’occhio. Ha testato la capacità dell’ assistenza sanitaria e dei sistemi di welfare, così come gli interventi economici e sociali di sostegno e ristori . L’epidemia lascerà un impatto duraturo sul modo in cui viviamo e lavoriamo insieme, anche una volta che il virus sarà finalmente scomparso.
Esso ha colpito in un momento in cui l’Europa attraversava un periodo di profonda trasformazione come il cambiamento climatico, cambiamento sociale e demografico.
Il cambiamento demografico riguarda le persone e le loro vite, riguarda ciò che facciamo, come lavoriamo e dove viviamo. Riguarda le nostre comunità e il modo in cui viviamo tutti insieme. Si tratta di abbracciare la varietà di persone e gli scenari che arricchiscono e plasmano le nostre società, ci rendono più forti e dare vita al motto dell’UE, Uniti nella diversità. Questo è ora più necessario che mai. Mentre si allentano lentamente e con cautela i blocchi imposti in tutta Europa, ci viene ricordato dell’importanza di comprendere e rispondere al impatto che il cambiamento demografico ha sulla nostra società. Questo il lavoro dovrà essere preso in considerazione per la ripresa dell’Europa – sia sulla dimensione sociale ed economica, o sulla salute e l’assistenza a lungo termine e molto altro ancora.
Nelle ultime settimane e mesi, il collegamento tra strutture demografiche, impatto e ripresa potenziale è è emerso in modo lampante. Abbiamo visto la nostra generazione più anziana soffrire di più, con gli anziani che sono i più vulnerabili in questa crisi. Sono non solo a maggior rischio di complicazioni se prendono il malattia ma sono anche tra le più isolate e tagliate fuori dalle misure sociali di sostegno a causa dei blocchi adottati salvare vite in tutta Europa. La necessità di solidarietà tra generazioni è una delle forze trainanti dell’Europa.
Gestire l’impatto del cambiamento demografico a lungo termine ha molti aspetti diversi: come gestire la salute pubblica, i bilanci pubblici o la vita pubblica, ma anche su come affrontiamo problemi come la solitudine, l’assistenza nella comunità e l’accesso a servizi vitali. Affrontare questi problemi sarà importante per un recupero riuscito e determinerà la velocità e la misura in cui saremo in grado di ricostruire la nostra vita quotidiana, reti sociali ed economie. A lungo termine, questo è un’opportunità per l’Europa per costruire un paese più equo e società più resistente.
Non possiamo mai sottovalutare i danni della crisi o la necessità di affrontare ogni tipo di perdita. In quel contesto, potrebbe sembra contraddittorio affermare che gli europei lo sono generalmente vivere vite più lunghe, più sane e più sicure. Tuttavia, in a lungo termine questa è ancora la realtà e dovremmo esserne orgogliosi dei grandi passi compiuti negli ultimi decenni da raggiungere Questo. I sistemi sanitari e assistenziali europei sono i più importanti avanzato a livello globale. Accoppiato con l’abilità e il sacrificio di così molti lavoratori in prima linea hanno contribuito a salvare innumerevoli vite dall’inizio della crisi. Tuttavia, lo stress che sono stati messi sotto, soprattutto nelle aree con una popolazione più anziana, ha mostrato la necessità di sostenerli ulteriormente.
Grazie a questo progresso, la nostra qualità della vita rimane unica e le nostre società tra le più uguali al mondo, anche se le disuguaglianze persistono. Stiamo diventando una popolazione anziana.
Le pressioni create a livello globale dal cambiamento demografico rischiano di essere esacerbate dall’impatto del cambiamento climatico e degrado ambientale. Ciò significa un enorme e simultaneo aumento del bisogno globale per cibo, energia e acqua nei prossimi decenni: 60 per cento più cibo, 50% in più di energia e 40% in più di acqua nel 2050.

QUALITÀ DELLA VITA, INFRASTRUTTURE E ACCESSO AI SERVIZI
Ogni parte dell’Europa cerca di fornire servizi e infrastrutture per soddisfare le esigenze della sua popolazione. Se la popolazione cresce o diminuisce, i servizi e le infrastrutture devono essere adeguate di conseguenza, come trasporti, servizi digitali, alloggi, scuole, sanità, assistenza a lungo termine e integrazione sociale.
L’impatto del cambiamento demografico su una regione specifica dipende molto dal ritmo e dalle dimensioni del cambiamento della popolazione se quella regione ha i mezzi per farvi fronte. La maggior parte delle regioni che ha una rapida crescita della popolazione ha un PIL pro capite superiore alla media dell’UE, mentre le regioni con un rapido declino della popolazione tendono ad avere a PIL pro capite relativamente basso. Regioni che hanno un reddito minimo e soffrono di rapidi cambiamenti demografici affrontano una situazione più impegnativa.
31 milioni di persone, ovvero il 7% della popolazione dell’UE, vivono in regioni che devono affrontare la doppia sfida del rapido calo della popolazione e la decrescita del PIL pro capite. Molte di queste regioni
sono negli Stati baltici, Bulgaria, Croazia, Ungheria, Portogallo e la Romania. Ci sono anche alcune regioni in questa situazione in Grecia e Spagna, nonché in alcune regioni dell’est
Germania, Francia e Polonia e Italia. Praticamente l’intera Europa..
La quota europea della popolazione mondiale sta diminuendo.
Nel 1960 la popolazione dell’UE-27 rappresentava circa il 12% la popolazione mondiale. Oggi è sceso a circa il 6% e dovrebbe scendere al di sotto del 4% entro il 2070. L’altro notevole dato è l’aumento della quota della popolazione dell’Africa su quella mondiale: passerebbe dal 9% al 32%, mentre la quota della popolazione in Asia diminuirebbe leggermente.
L’Europa non è l’unico continente che sta invecchiando, ma lo è il più vecchio in media. Quando si confronta la tendenza dell’Europa con altre parti del mondo, diventa chiaro che altri continenti attraversano un processo di invecchiamento simile, anche se con un ritardo rispetto all’Europa. Proiezioni mostrano che anche l’età media in Africa aumenterà nel tempo ma si prevede che rimanga il continente più giovane da qui al 2070.
Anche la quota europea del PIL mondiale si sta riducendo. Nel 2004, l’Europa ha rappresentato il 18,3% del PIL mondiale, riducendosi a 14,3% nel 2018. Con una popolazione in età lavorativa in calo, c’è il rischio che questa tendenza continui, o addirittura acceleri. Gli Stati membri diventeranno attori economici più piccoli ma collettivamente l’UE continuerà a essere una delle principali economie mondiali.

You must be logged in to post a comment Login