Anche le partite IVA possono partecipare al fondo pensione con grossi vantaggi fiscali

Anche le partite IVA possono partecipare al fondo pensione con grossi vantaggi fiscali

Ora anche le partite IVA possono partecipare al fondo pensione con grossi vantaggi fiscali. Si tratta dell’apertura al fondo previdenziale FON-TE del terziario Confcommercio. Lo scorso 10 marzo i partner hanno firmato l’accordo per ampliare la platea di beneficiari inserendo anche le partite IVA.

I fondi pensione sono diventati un valido supporto dell’integrazione welfare aziendale. Ai fini della pensione, i fondi, per i lavoratori dipendenti sono un valido supporto anche per un possibile anticipo pensionistico. I fondi pensione permettono di accumulare un valore aggiuntivo a costo basso per un supporto al pensionamento.
Questa cosa però ha valore solo per i lavoratori dipendenti.

Esclusa fino ad oggi ai lavoratori autonomi che possono aderire ai Fondi bilaterali di categoria a costi elevati. Perché per questi categoria, la contribuzione INPS e la previdenza complementare è a totale carico dei lavoratori.

L’accordo sottoscritto
Con l’accordo sottoscritto dai partener del fondo Fon-Te anche i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata o alle Gestioni del Lavoro Autonomo INPS potranno aderire.

I lavoratori autonomi nella crisi economica italiana sono quelli maggiormente esposti e non tutelati sufficientemente dal sistema previdenziale. Quindi, sono quelli maggiormente esposti che hanno bisogno di una forma pensionistica privata di natura collettiva. Questa forma si estende ai lavoratori autonomi e liberi professionisti con tutti i vantaggi legati al fondo compresi quelli di natura fiscale.

L’accordo è il punto di partenza, adesso bisognerà apportare le opportune modifiche statuarie, con una concreta e attiva campagna di comunicazione massiva. Questa operazione sarà effettuata appena il percorso operativo è completato.

Bisogna far presente che anche il fondo PREVEDI e il fondo Solidarietà Veneto danno la possibilità ai lavoratori autonomi all’accesso gratuito. Fra i benefici fiscale c’è la possibilità di detrarre fino a 5.157 euro annui.

fonte: Proiezioni di borsa

You must be logged in to post a comment Login