Pensioni Europa attenziona sulle conseguenze non intenzionali delle regole dei capitali delle banche

Pensioni Europa attenziona sulle  conseguenze non intenzionali delle regole dei capitali delle banche
La Commissione Europea ritiene che le regole dei capitali delle banche dell’UE dovrebbero essere cambiate per affrontare le impreviste conseguenze negative che possono subire i fondi pensione  che utilizzano i derivati.
I requisiti rispondono alle nuove regole introdotte in risposta alla crisi finanziaria  e puntellare la capitalizzazione delle banche.
Tuttavia, PensionsEurope e altri operatori del settore europeo delle pensioni ritengono alcuni aspetti – fra cui la direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD) IV – avrà conseguenze non volute per i regimi pensionistici perché incentiva le banche ad accettare solo contanti a garanzia dei derivati  over-the-counter (OTC), mentre in precedenza avrebbero anche accettare titoli di Stato di alta qualità.
Questo, a sua volta, genera “un bisogno di (molto) più elevate riserve di liquidità per i fondi pensione, aumentando i rischi di liquidità.
Può anche causare che i fondi pensione facciano più affidamento sul mercato dei pronti contro termine..
Secondo PensionsEurope l’impatto delle nuove regole “contraddice direttamente” l’obiettivo del regolamento sulle infrastrutture del mercato europeo (EMIR) e “introdurrebbe costi sproporzionati e il rischio per i pensionati europei”.
Si chiede ai responsabili politici dell’UE a prendere in considerazione la modifica delle regole NSFR e di accettare titoli di Stato di alta qualità.

You must be logged in to post a comment Login