Il Comitato dei Rappresentanti Permanenti nel Consiglio UE ha approvato il 30 giugno 2016 il testo finale relativo alla revisione della Direttiva 2003/41/CE (cd. Direttiva IORP). Il voto finale del Parlamento UE è previsto per il 12-15 settembre, l’approvazione del Consiglio UE dovrebbe intervenire subito dopo.
La nuova  direttiva Iorp (Institutions for Occupational Retirement Provision) della Comunità Europea ha lo scopo ottenere un’ armonizzazione minima delle regole e, pertanto, non impedirà agli Stati membri di mantenere o di introdurre ulteriori disposizioni al fine di proteggere gli aderenti ed i beneficiari, a condizione che tali disposizioni siano compatibili con la normativa dell’Unione. La direttiva non riguarda le politiche nazionali di sicurezza sociale, del lavoro, del fisco, il diritto contrattuale, né l’adeguatezza delle prestazioni pensionistiche negli Stati membri.
Essa mira ad agevolare ulteriormente la mobilità dei lavoratori tra gli Stati e a garantire la buona governance dei fondi pensione, la fornitura di informazioni agli iscritti, la trasparenza e la sicurezza delle forme di previdenza.
Il modo in cui gli Autorità di Vigilanza  sono organizzate e regolate varia notevolmente tra gli Stati membri. Queste e le imprese di assicurazione vita sono relativi a  regimi pensionistici complementari. Non è opportuno, quindi, di adottare un ‘one-size-fits-. La Commissione e l’Autorità europea di vigilanza (Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali) (EIOPA), istituita dal regolamento (UE) n 1094/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio tengono conto delle diverse tradizioni degli Stati membri nel loro attività.
La direttiva 2003/41 / CE ha rappresentato un primo passo legislativo sulla via di un mercato interno degli schemi pensionistici aziendali e professionali su scala europea.
In considerazione degli sviluppi demografici nell’Unione e la situazione per quanto riguarda i bilanci nazionali, la previdenza complementare  è una preziosa aggiunta al sistema pensionistico di previdenza sociale pubblico. Un sistema pensionistico resiliente comprende una gamma di prodotti diversificati, una diversità di istituzioni e prassi di vigilanza efficaci ed efficienti.

Gli Stati membri devono proteggere i lavoratori dalla povertà vecchiaia e promuovere la previdenza complementare legati a contratti di lavoro come copertura aggiuntiva delle pensioni pubbliche.
La direttiva rispetta i diritti fondamentali in conformità dei principi riconosciuti dalla Carta dei diritti dell’Unione europea come il diritto alla protezione dei dati personali, la libertà d’impresa, il diritto di proprietà, il diritto di contrattazione collettiva e azione agevolando le attività transfrontaliere degli Iorp e il trasferimento delle posizioni maturate da uno Stato all’altro.
In particolare, precisa le relative procedure ed eliminando gli ostacoli burocratici non indispensabili. Ciò potrebbe avere un impatto positivo sulle imprese interessate e sui loro dipendenti, a prescindere dallo Stato in cui lavorano, attraverso la centralizzazione della gestione dei servizi di pensionamento previste.
L’attività transfrontaliera dei regimi pensionistici integrativi non dovrebbe pregiudicare i diritti di sicurezza  sociale e del lavoro del paese di provenienza  pertinente al campo della previdenza complementare dello Stato membro ospitante, applicabili al rapporto tra l’impresa promotrice e gli aderenti e beneficiari. Le attività transfrontaliere e il trasferimento transfrontaliero dei regimi pensionistici sono distinti e devono essere disciplinati da disposizioni diverse. Se un trasferimento in un altro paese di un regime pensionistico porta ad una attività transfrontaliere, dovrebbero poi applicare disposizioni di libera portabilità.
Qualora l’impresa promotrice e il fondo pensione si trovano nello stesso Stato membro, il solo fatto che i membri o beneficiari di un regime pensionistico hanno la loro residenza in un altro Stato non costituisce di per sé un’attività transfrontaliera.

Gli Stati membri dovrebbero prendere in considerazione la necessità di tutelare i diritti pensionistici dei lavoratori temporaneamente inviati a lavorare in un altro Stato.
Nonostante l’entrata in vigore della direttiva 2003/41 / CE, l’attività transfrontaliera è stata limitata a causa delle differenti  legislazioni nazionali sia per il lavoro che la previdenza. Inoltre, rimangono importanti barriere fra i vari Stati che rendono più costose la gestione per le forme pensionistiche a livello transfrontaliero. Inoltre, deve essere migliorato il livello minimo attuale di protezione per gli aderenti  e dei beneficiari. Questo è tanto più importante in quanto è aumentato in modo significativo il numero di europei che basandosi su fondi che spostano la longevità e come affrontano i  rischi di mercato  fanno le loro scelte. Di conseguenza deve essere aumentato il livello minimo attuale di informazioni soggetti interessati.
Questa direttiva redatta anche con il concorso del Regno Unito penso che non troverà applicazione in quel Paese a meno che gli accordi successivi fra la Ue e la GB non disciplineranno anche questo aspetto, considerando il numero elevato di cittadini europei che lavorano in Inghilterra e di cittadini britannici che lavorano nella Comunità Europea.
Le istituzioni cui già si applica un quadro normativo dell’Unione dovrebbero di regola essere escluse dalla presente direttiva. Tuttavia, esse possono anche, in alcuni casi, offrire servizi pensionistici aziendali o professionali, è importante far sì che la presente direttiva non comporti distorsioni della concorrenza. Tali distorsioni possono essere evitate applicando i requisiti prudenziali della direttiva per il business relativo alla previdenza integrativa delle imprese di assicurazione sulla vita.
Dal momento che la previdenza complementare  concorre a garantire la sicurezza finanziaria durante la vecchiaia, le prestazioni devono assumere la forma di pagamenti vitalizi, o pagamenti effettuati per un periodo temporaneo, oppure una somma forfettaria una tantum, o una loro combinazione.
È importante garantire che le persone anziane e disabili non siano soggetti al rischio della povertà e possano godere di un livello di vita decoroso attraverso una copertura adeguata dei rischi biometrici legati all’invecchiamento . Quando si imposta un regime pensionistico integrativo, i datori di lavoro e i lavoratori,  dovrebbe prendere in considerazione la possibilità che preveda  la copertura del rischio di longevità e rischi di invalidità professionali, nonché disposizioni per superstiti.
Fatta salva la legislazione sociale e del lavoro nazionale sulla organizzazione dei sistemi pensionistici, compresa l’adesione obbligatoria ei risultati delle contrattazioni collettive, Iorp dovrebbero avere la possibilità di fornire i propri servizi in altri Stati membri al ricevimento dell’autorizzazione da parte dell’autorità competente del Stato membro. Le forme di previdenza dovrebbe consentire la  gestione di schemi pensionistici con aderenti in più di uno Stato membro. Ciò potrebbe potenzialmente portare a significative economie di scala per questi migliorare la competitività dell’industria dell’Unione e facilitare la mobilità del lavoro.
L’esercizio del diritto di un fondo con sede in uno Stato membro di gestire un regime pensionistico professionale in un altro Stato membro deve rispettare pienamente le disposizioni del diritto sociale e del lavoro in vigore nello Stato membro ospitante, nella misura in cui è rilevante ai regimi pensionistici professionali, ad esempio, la definizione e l’erogazione di prestazioni pensionistiche e le condizioni per il trasferimento dei diritti pensionistici.