Prima di aderire, è necessario leggere lo statuto, il regolamento e la nota informativa che riguardano la forma pensionistica complementare . Ordinariamente per iscriversi, è necessario reperire i moduli per l’adesione ai fondi negoziali presso i luoghi di lavoro, le sedi delle organizzazioni sindacali o la sede del fondo stesso. Successivamente, è necessario compilare e sottoscrivere il modulo di adesione e presentarlo al datore di lavoro per autorizzarlo a trattenere i contributi dalle future buste paga. Inoltre, si deve versare la quota di iscrizione “una tantum”, che sarà trattenuta sulla busta paga se si tratta di un fondo negoziale . Oggi è possibile farlo on line, scaricando i moduli, firmandoli e inviandoli al fondo sempre onl ne.

La maggior parte dei lavoratori dipendenti aderisce ai fondi negoziali di categoria (c.d Fondi Chiusi) mentre gli autonomi o altri possono scegliere fra i Fondi Aperti, i Pip ( Piani individuali pensionistici) o addirittura una Assicurazione sulla Vita ma richiede molta attenzione.
Servizi online e app mobili
Secondo il sito 24ovest.it, la comodità di gestire il fondo pensionistico online dipende dalla qualità dei servizi online offert . Oltre all’area riservata bisogna vedere se il fondo dispone di un’interfaccia utente intuitiva, servizi in tempo reale e, possibilmente, di un’app mobile. Questi strumenti semplificano la gestione del proprio piano pensionistico, consentendo di monitorare e seguire l’andamento della propria posizione.

Per quello che valgono bisogna comunque tener conto delle opinioni degli altri iscritti perché possono comunque offrire preziose informazioni sul fondo pensione. Occorre vedere i feedback degli utenti su piattaforme online, forum finanziari prestando attenzione sia alle esperienze positive che a quelle negative.

Poiché non sempre si posseggono le competenza necessarie per valutare i vari aspetti di un fondo pensione, può essere utile chiedere una consulenza professionale. In genere i fondi pensione sono molto puntuali sotto questo aspetto, come pure lo sono le organizzazioni sindacali confederale e le Acli. Ora bisognerà vedere come evolveranno le consulenze con l’avvento della cosiddetta Intelligenza Artificiale (IA).

confermare o cambiare la linea finanziaria perché la flessibilità è addirittura auspicabile in alcuni casi. Per esempio man mano che si avvicina il momento della pensione, è sempre conveniente passare dai comparti più rischiosi a quelli più tranquilli.

fonte: 24ovest.it