L’obiettivo è stimolare progetti nei settori del fotovoltaico, dell’eolico e dell’economia circolare, come il biometano.

 L’obiettivo di EGIF, fondo gestito da Equita Capital SGR1, è sostenere la transizione energetica in Italia attraverso progetti infrastrutturali di piccola-media taglia su rinnovabili (fotovoltaico ed eolico) ed economia circolare (biogas e biometano).

EGIF punta a contribuire in maniera sostanziale alla lotta contro il cambiamento climatico3, uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. 

Con questa nuova iniziativa, il Fondo di Fondi conferma il sostegno di CDP alla crescita del mercato nazionale delle infrastrutture e il focus prioritario della propria strategia di investimento sulla transizione energetica. Ulteriori investimenti sono previsti nel corso dell’esercizio corrente.

Il piano industriale prevede l’impiego di oltre la metà dei capitali attualmente disponibili entro il 2024 e il termine del periodo di investimento del Fondo nel 2028. 

Parallelamente alla fase di investimento, prosegue quella di raccolta finanziaria del FOF Infrastrutture. Oggi, Concreto, fondo pensione per i lavoratori dell’industria del cemento, è entrato a far parte degli investitori del FOF dopo la sottoscrizione di quote da parte di Arco, fondo pensione del settore del legno, avvenuta lo scorso novembre. 

L’attività di fundraising (raccolta di fondi) proseguirà nel corso dei prossimi mesi, con l’obiettivo di massimizzare il cosiddetto crowding-in  ( fenomeno si verifica quando una maggiore spesa pubblica porta a un aumento degli investimenti del settore privato) di risorse di investitori istituzionali, nell’ambito di una dotazione target del FOF Infrastrutture pari a 500 milioni di euro.

Nell’implementazione del progetto FOF Infrastrutture, CDP Equity svolge il ruolo di cornestone investor ( pietra angolare su cui si fonda un edificio).

Il fondo offre ai propri sottoscrittori la possibilità di investire in strumenti diversificati con un adeguato profilo di rischio-rendimento e di sostenere la crescita economica nazionale facilitando l’afflusso di investimenti verso l’economia reale.